Reverberation Radio 267

Bentornati a tutti sulle frequenze sempreverdi di Reverberation Radio. Spesso la musica è un cavo teso fra lammerda ed il sublime. Non è il nostro caso, ma l’idea del funambolo piace sempre così tanto che la playlist di oggi si muove in costante equilibrio fra l’elettronica ed il pop, con qualche piccola ma significativa eccezione. Partiamo subito dalle mosche bianche. Abbiamo il funk/afrobeat della T.P. Orchestre Poly-Rythmo, i ritmi latini dei venezuelani Un, Dos, Tres Y Fuera ed il garage psichedelico degli Electric Prunes.

Reverberation Radio 257

Rieccoci immancabili con l’appuntamento del mercoledì, il giorno di Reverberation Radio. Oggi la playlist dei nostri amicones della California è quanto mai eterogenea. Si spazia dal funk sobrio ed elettronico di Dwight Sykes a quello contaminato dalla dance della Universal Togetherness Band. Anche il jazz è presente, con le interpretazioni di Donald Byrd e Kenny Graham & His Satellites, questi ultimi graditissimo ritorno dopo qualche settimana di assenza.

Reverberation Radio 248

Reverberation#248 1. The Masters Apprentices – War Or Hands Of Time 2. George Harrison – Red Lady Too 3. Allen Toussaint – Southern Nights 4. Norma Tanega – You’re Dead 5. Frankie Reyes – La Comparsa 6. Jessica Pratt – Moon Dude 7. Bobb Trimble – Killed By The Hands […]

The Very Best Of 2016

Difficile fare il Best Of a ‘sto giro. Il 2016 non è ancora finito che è già passato alla storia come uno degli anni peggiori del nuovo millennio. Musicalmente sono stati 12 mesi davvero scarsini, di certo non all’altezza dell’anno scorso, però mi piace guardare il bicchiere mezzo pieno, prima di bermelo. E se è vero che dobbiamo riporre le nostre speranze nel futuro, gli esordienti del 2016 sono una classe quanto mai folta e con le palle.

Reverberation Radio 247

Anche se in ritardo, benvenuti all’appuntamento settimanale con Reverberation Radio! I giorni prima delle feste natalizie sono difficili per tutti, anche per i vostri affezionati Vinilistici. Ma nulla ci può fermare, perciò eccovi la vostra dose di buona musica curativa. Per prendersi bene c’è il reggae dei Toots & The Maytals e di Hemsley Morris oppure il sempre amatissimo Jorge Ben con la sua musica popolare brasiliana.

Palace – So Long Forever

Il 2016 è già stato di suo un anno di notevoli esordi. Se a ciò si aggiunge l’hype tipicamente britannico per ogni nuova band che si affaccia sul panorama musicale portando in dote anche solo un minimo di aria fresca, non ci si stupisce più di tanto che il debutto sulla lunga distanza dei Palace, So Long Forever (via Fiction Records), fosse atteso come il Natale a Vienna. Due EP in saccoccia – Lost In The Night e Chase The Light nel biennio 2014-15 – sono bastati alla band londinese per guadagnarsi l’etichetta di ‘sonic valium’, l’apertura dei concerti europei di Jamie T e la partecipazione a Glastonbury e Reading & Leeds.

Reverberation Radio 242

Ciao a tutti e bentornati sulle frequenze di Reverberation Radio. Musicalmente parlando, oggi si rende il doveroso onore a Leonard Cohen, che riposi in pace nel paradiso dei giusti. Altrove, abbiamo un mix di tutto quello che vi può venire in mente. Dalla sperimentazione di Can e Martin Rev, alle cose tutte pazze della comunque amabile Yoko Ono, dal folk del canadese Willie Thrasher alla psichedelia degli Insect Trust.

Reverberation Radio 239

Rieccoci di nuovo sulle frequenze della californiana Reverberation Radio.
Ci sono volte in cui le playlist sono composte da artisti sconosciuti o poco noti o ancora da scoprire. Poi ci sono selezioni come queste in cui si ha davanti agli occhi e nelle orecchie un pezzo di storia della musica contemporanea degli ultimi 50 anni. Difficile cominciare da qualcuno piuttosto che da altri, ma Bob Dylan si merita la prima menzione; non solo per aver vinto il Nobel ed aver fatto incazzare molti – tra l’altro rendendo incredibilmente cool il premio dell’Accademia di Svezia – ma soprattutto per fregarsene come solo lui sa fare. Grazie Bob, con te il mondo è un posto migliore.

Nick Cave & The Bad Seeds – Skeleton Tree

Musicalmente parlando ci troviamo di fronte a un disco che ancor più di quel Push the Sky Away del 2013 si spoglia di tutto, lasciando spazio a una voce tormentata e oscura, pronta a girare intorno alla morte e alle sue connessioni con la vita. Gli otto brani si danno la mano e camminano in fila indiana su un tappeto di tensione sonora che in questo lavoro si ricopre di una patina in qualche modo elettronica.

Reverberation Radio 228

Bentornati ai torridi appuntamenti estivi con Reverberation Radio. Questa è l’ultima playlist prima delle vacanze e non poteva esserci cover più adatta per esprimere lo stato d’animo dello Staff del vostro blog preferito. È il pop a caratterizzare questi dieci magnifici brani.