Reverberation Radio 266

Bentornati sulle potentissime frequenze di Reverberation Radio. Come recitano i due personaggi del film Il sergente e la signora (del 1945) nella cover, oggi è mercoledì, uno di quelli per cui ha senso vivere un’intera settimana a parte il week-end. Il menù offre il wooze-pop di Crepes, il rock leggerino di Kyoko Furuya e l’elettronica condita dal jazz della brasiliana Andréa Daltro.

Reverberation Radio 155

La playlist di Reverberation Radio non è nazionalistica come la precedente e nemmeno piena zeppa di nomi noti. Ok, ci sono gli Steel Mill – da cui sono usciti Spingrsteen e parte della E Street Band – e Meic Stevens, il cosiddetto ‘Dylan gallese’ (giuro), ma per il resto ci si muove tra folk, progressive e psichedelia insieme a gente come Elyse Weinberg (in Houses con un tipo che si chiama Neil Young), Pisces, Roger Rodier e la Edgar Broughton Band, mentre Jimmy Campbell coi suoi Rockin’ Horse è in quota merseybeat ed Emily Bindinger addirittura chiude il set con un brano cantato non a cappella.

Reverberation Radio 136

Tanti sono i nomi sconosciuti o quasi, dai Dirt Dress ad Adam Leonard, da Benny Soebardja And Lizard ai Molochs – questi ultimi già presenti qualche tempo fa – per finire con Shigeo Sekito che, oltre a vincere il premio nomestrano della settimana, con la sua The World II è stato samplizzato da Mac DeMarco in Chamber Of Reflection. Già più conosciuti sono gli Holy Barbarians, i Peaking Lights e Le Seigneur Tabu Ley Rochereau, Discorso a parte per Billy Changer, giovane musicista californiano già in orbita Burger Records e che vale davvero la pena conoscere un po’ meglio, no?

Reverberation Radio 123

La playlist numero 123 di Reverberation Radio è incentrata su rock, blues e country, tre generi che basterebbero a fare contenti tutti, amanti del vintage o meno.
Nomi grossissimi non ce sono ma a parte l’altissima qualità di queste dieci canzoni, ci sono artisti degni di una menzione particolare.